Dati qualitativi dalle interazioni

Guarda anche: Focus group e interviste di gruppo

La nostra pagina su Analisi dei dati qualitativi discute le tecniche per analizzare i dati basati sul linguaggio. Questa pagina spiega di più su come generare, analizzare e presentare i dati identificati attraverso l'interazione con i tuoi soggetti di ricerca.

Qui, l'analisi è quasi parte del processo di generazione dei dati, piuttosto che qualcosa di fatto successivamente sui dati raccolti in un processo separato.

In particolare, questa pagina discute due tecniche, analisi della griglia del repertorio e mappatura cognitiva , che può essere utile per identificare le opinioni degli individui sul mondo.




Repertorio Grid Analysis

Una griglia di repertorio ti consente di rappresentare la visione del mondo di qualcuno.

Le griglie di repertorio sono particolarmente utili per indagare le idee a cui le persone potrebbero non aver pensato in dettaglio, o che sono difficili da articolare, poiché creano una cornice attorno alla discussione. Si basa anche sui costrutti degli intervistati e non su quelli del ricercatore, il che significa che evita che il ricercatore imponga le proprie opinioni sull'argomento della ricerca.



Tuttavia, la creazione di una griglia può richiedere molto tempo, quindi hai bisogno di intervistati disponibili. Richiede inoltre una notevole abilità da parte dell'intervistatore per esplorare adeguatamente tutti i costrutti.

Vedi la nostra pagina su Interviste per la ricerca per ulteriori informazioni sulle capacità di intervista.

Repertorio Grid Analysis Step-by-Step


  1. Decidi il punto focale della griglia, che dovrebbe essere abbastanza specifico. Gli esempi includono le qualità che rendono un buon manager o anche ciò che rende la cucina ideale o simili.



  2. Con gli intervistati, seleziona un gruppo compreso tra cinque e dieci elementi che sono entrambi rilevanti e forniranno una buona gamma. Ad esempio, per le caratteristiche che rendono un buon manager, gli elementi dovrebbero essere manager noti agli intervistati, alcuni dei quali considerano buoni e altri meno, con un intervallo intermedio.

  3. Scrivi ogni elemento su una scheda separata.

  4. Scegline tre alla volta e chiedi agli intervistati di identificare il 'dispari fuori' e di fornire una parola che descriva i due che sono simili e un'altra per quello che è diverso. Queste due parole diventano un costrutto su un continuum tra i due.



  5. Continua a selezionare trii di elementi finché non hai da sei a dieci costrutti.

  6. Valuta ciascuno degli elementi rispetto a ciascuno dei costrutti. Puoi semplicemente assegnarli a un'estremità o all'altra, oppure puoi utilizzare una scala a cinque punti tra i due.

    come farti ascoltare da qualcuno

Puoi analizzare piccole griglie a occhio, cercando relazioni tra elementi e costrutti.

Le griglie più grandi richiedono spesso l'assistenza del computer per l'analisi. L'idea è di raggruppare i costrutti insieme in qualche modo per formare due o tre costrutti più grandi che spieghino la variazione. In questa fase, potrebbe essere chiaro il motivo per cui avresti bisogno di un programma per computer che ti aiuti con l'analisi di una griglia di grandi dimensioni! Esempi di programmi adatti includono GridSuite .

Puoi rappresentare i tuoi risultati come:

  • Una mappa o un grafico , con due assi che rappresentano i due principali 'costrutti raggruppati' che spiegano la maggior variazione; o
  • Un dendrogramma , dove la distanza tra i 'rami' mostra la relazione tra i costrutti.



Queste rappresentazioni visive sono molto utili per mostrare un'immagine dei risultati. Il tuo passaggio finale in qualsiasi analisi è riflettere i tuoi risultati agli intervistati. Questo potrebbe produrre da loro nuove intuizioni nei costrutti o negli elementi.

Avvertimento!


Le griglie di repertorio non sono facili da preparare o analizzare. Richiedono molto tempo e abilità nelle interviste per disegnare tutti gli aspetti di ogni costrutto. È inoltre necessaria attenzione per garantire che i risultati siano significativi per gli intervistati e per il ricercatore.


Mappatura cognitiva

Mappe cognitive sono un po 'come le mappe mentali. Sono una rappresentazione visiva del modo in cui un individuo o un gruppo guarda il mondo, inclusi valori, convinzioni, atteggiamenti e idee e come si relazionano tra loro. È una visione molto soggettiva e può essere elaborata solo con la piena collaborazione degli intervistati.

Mappe individuali

Mappe individuali sono redatti con una sola persona. Come con l'analisi della griglia del repertorio, aiuta ad avere del buono capacità di intervistare , anche forte interrogatorio e capacità di ascolto .

Utilizzando la tecnica del laddering, descritta nella nostra pagina Colloquio per la ricerca , puoi esplorare valori e convinzioni così come l'esperienza. Man mano che susciti idee e valori, disegni una mappa che li collega ad altri.

È bene continuare a riflettere sul tuo intervistato per assicurarti che sia d'accordo con i tuoi link suggeriti.

Domino

Domino è una tecnica specifica utilizzata per esplorare valori e credenze quando possono esserci problemi di potere o controllo.

Il ricercatore identifica gli elementi, che possono essere persone o oggetti, e posiziona le carte con una su ciascuno di fronte all'intervistato, tutte contemporaneamente. All'intervistato viene chiesto di raggrupparli secondo schemi e di spiegare il loro pensiero.

Dovrebbero riformare i gruppi in tutti i modi possibili. I loro commenti vengono registrati dall'intervistatore, che può anche porre domande per chiarire se necessario. Questa tecnica può accelerare il processo di identificazione dei costrutti.

Mappe di gruppo

Sebbene non sia usato così spesso nella ricerca pura, mappe di gruppo sono spesso usati da facilitatori per aiutare i gruppi a riflettere su questioni strategiche. Possono anche essere usati come parte di mediazione per aiutare i gruppi a comprendere i reciproci punti di vista. Sono un modo utile per creare una rappresentazione visiva di valori, preoccupazioni e problemi e, come con molte tecniche visive, sono facili da capire rapidamente.

Ciò rende le mappe di gruppo ideali per i processi di pianificazione strategica (vedere le nostre pagine: Pensiero strategico e Pensiero creativo per ulteriori idee su altre tecniche da utilizzare).


Conclusione

Sia l'analisi della griglia del repertorio che la mappatura cognitiva producono rappresentazioni visive di situazioni piuttosto complesse.

Sono quindi utili per semplificare e visualizzare le idee. Tuttavia, è importante ricordare che entrambi richiedono interviste abili e interazione con le persone per ottenere i migliori risultati. Detto questo, anche un approccio abbastanza poco qualificato produrrà alcuni risultati utilizzabili, e vale sempre la pena provare una nuova tecnica.

Per ottenere il massimo valore, tuttavia, vale la pena provare a trovare qualcun altro con più esperienza che ti aiuti, almeno la prima volta.

Continuare a:
Analisi dei dati qualitativi
Interviste per la ricerca