Prezzi e addebiti per liberi professionisti

Guarda anche: Gestione delle relazioni con i clienti

Il prezzo e l'addebito sono un'area delicata per i liberi professionisti.

Sovrapprezzo il tuo lavoro e ti ritroverai fuori dal mercato. Sottocarica, e non sarai in grado di permetterti di vivere, per non parlare di continuare a lavorare come freelance.

Il prezzo invia anche un segnale importante ai tuoi clienti sul tuo valore, o valore: troppo a buon mercato e potrebbero non valutare il tuo contributo o potrebbero darti per scontato.



È quindi importante comprendere le basi per una corretta ricarica. Questo è alla base del tuo intero modello di business e garantisce la tua sopravvivenza nel lavoro autonomo.

Questa pagina è pensata per aiutarti a capire come calcolare cosa addebitare, in base a cosa vuoi guadagnare, cosa devi guadagnare e cosa sopporterà il mercato. Copre anche la spinosa questione del lavoro orario oa cottimo.

trova il volume di un cerchio

Decidere cosa caricare

Ci sono due cose da considerare qui:

1. Quello che vuoi o hai bisogno di guadagnare

Il primo passo per pensare alla ricarica è capire cosa stai facendo bisogno di guadagnare , e anche quello che tu voglio guadagnare . Il primo di questi è la quantità di denaro che hai bisogno da portare ogni mese, solo per sopravvivere (cioè per pagare l'affitto o il mutuo, pagare le bollette mensili e comprare cibo e altre cose essenziali). Il secondo è quello che vorresti effettivamente guadagnare ogni mese per darti abbastanza per i lussi oltre che per l'essenziale.



SUGGERIMENTO MIGLIORE!


Quando si considera quanto hai bisogno e vuoi guadagnare, può essere utile moltiplicarlo fino all'intero anno e includere le spese una tantum come la tassa automobilistica, le vacanze e l'assicurazione. È sorprendente quanto si sommino questi pezzi unici.

Anche tu devi ricordarsi dell'imposta sul reddito . Una volta che guadagni oltre un certo importo, pagherai le tasse sul tuo reddito, quindi ricordati di includerlo in ciò che ti 'serve' per guadagnare. Sono disponibili vari utili calcolatori delle imposte per aiutarti a calcolare quante tasse pagherai su un determinato reddito.


Una volta che hai un'idea di cosa vorresti guadagnare, identificare le ore e i giorni di lavoro 'normali' . Calcola quante ore (approssimativamente) e quanti giorni vuoi e / o sei in grado di lavorare ogni settimana o mese. Considera anche quanto tempo di vacanza vorrai. Ancora una volta, può essere utile esaminarlo su base annuale, piuttosto che mensile.

Il passo finale è mettere insieme i due . Osservando il numero medio di ore all'anno in cui lavorerai e l'importo totale che devi guadagnare, puoi vedere cosa devi addebitare per ora di lavoro.

Ricorda che questo è il minimo che devi caricare!



Ci saranno giorni in cui non riuscirai a fare molto, perché devi portare la macchina al garage, o tu o tuo figlio siete malati, o vi sentite semplicemente improduttivi e non potete lavorare. Costruisci in una contingenza per darti un cuscino , in modo che se hai una brutta giornata o vuoi prenderti un giorno di riposo in più, puoi farlo.

2. Cosa sopporterà il mercato

Una volta che sai quanto vorresti caricare, puoi passare alla fase successiva, che è capire se è possibile. In altre parole, se lo addebiti per i tuoi servizi, sarai a) credibile eb) otterrai un lavoro?
Ci sono sostanzialmente due cose da considerare qui.

  • Primo, qual è la tariffa corrente per cosa hai intenzione di fare?
  • Secondo, cosa sopporterà effettivamente il mercato , o qual è il massimo che potresti caricare, una volta che sei veramente bravo? Questo potrebbe essere lo stesso del tasso corrente, o potrebbe essere un po 'di più.

Esistono diversi modi in cui puoi stabilire la tariffa corrente per il tuo lavoro. Puoi, ad esempio, guardare ciò che le altre persone fanno pagare sui siti di freelance.



Una corsa al ribasso?


Quando si guardano i siti di freelance, è necessario essere consapevoli del fatto che le persone provenienti da paesi con un costo della vita molto più basso potrebbero essere in grado di addebitare molto meno di quanto ti puoi permettere di addebitare.

I siti freelance possono quindi sembrare un po 'come una 'corsa al ribasso' in termini di prezzo (e qualità). Hai bisogno di pensare la qualità del prodotto che offri e il prezzo . C'è un equilibrio tra i due: prezzo più basso = qualità inferiore.

È meglio farsi una reputazione per un prodotto di ottima qualità a un prezzo più alto piuttosto che aderire alla 'r asso fino in fondo '.


Potresti anche essere in grado di farlo trova 'tariffe sindacali' per il lavoro che proponi di svolgere . La National Union of Journalists del Regno Unito, ad esempio, pubblica occasionalmente elenchi di tariffe medie di freelance per particolari tipi di lavori di scrittura. Ciò significa che puoi tenerti aggiornato su ciò che le altre persone chiedono.

inizia ad analizzare lo scopo della tua presentazione con _____ in mente.

Puoi anche utilizzare forum di settore su siti come LinkedIn chiedere informazioni sulle tariffe. Ovviamente devi essere consapevole che non tutti diranno la verità su siti come quello, ma dovrebbe darti una guida ragionevole.





Iniziando: una tariffa più bassa?


Quando inizi a lavorare come freelance, potresti scoprire che devi abbassare un po 'i prezzi per trovare lavoro. Senza una reputazione su cui fare affidamento, è più difficile trovare lavoro ei datori di lavoro sono riluttanti a pagare i prezzi pieni. Preparati a negoziare un po 'i prezzi, soprattutto nei primi giorni.

Una volta stabilita la reputazione di un lavoro di buona qualità, consegnato in tempo, tuttavia, è possibile addebitare di più. I tuoi clienti si aspetteranno quindi di più, ovviamente, in termini di qualità, e tu dovrai mantenerla!


Uno dei modi migliori per testare le tue tariffe è per suggerirli ai clienti . Se tornano subito accettando la tariffa, probabilmente hai sottovalutato il lavoro e lo saprai per la prossima volta. Se esitano e ti chiedono se puoi farlo in modo più economico, potresti averlo troppo caro e potresti dover negoziare.


Orario e lavoro a cottimo

Molti nuovi liberi professionisti lottano con la questione del lavoro orario oa cottimo.

Non importa quale scegli di utilizzare come preferenza. Tuttavia, è importante essere in grado di 'tradurre' ragionevolmente comodamente tra i due, poiché alcuni clienti avranno una preferenza genuina per l'uno o l'altro.

È quindi necessario sapere quanto tempo ci vuole per svolgere un determinato lavoro , ad esempio, per scrivere un post sul blog di 500 o 1000 parole o per modificare 1000 parole. In questo modo, puoi dare ai tuoi clienti un'idea di quante ore di lavoro richiederà il lavoro e / o concordare una tariffa a cottimo se sono più a loro agio.

All'inizio probabilmente non otterrai il tasso di conversione esattamente corretto. Non preoccuparti, però, perché i lavori andranno in pareggio: alcuni saranno più veloci di quanto ti aspetti e altri più lenti.

Amministrazione e tasse

Vale anche la pena ricordare che i costi devono includere un elemento per l'amministrazione e le commissioni.

cosa significa il simbolo #?

La tua banca potrebbe addebitare per ricevere pagamenti, i siti freelance ti addebiteranno una commissione e dovrai anche passare il tempo a inviare e-mail ai clienti, scrivere fatture e tenere registri. Se addebiti una tariffa oraria, puoi semplicemente aggiungere il tempo di amministrazione per il cliente pertinente. Se addebiti per un pezzo di lavoro nel suo insieme, tuttavia, la tua tariffa lo farà è necessario includere i costi di amministrazione .




Un pensiero finale

È importante ricordare che i tuoi prezzi non sono scolpiti nella pietra.

Puoi testare prezzi diversi con clienti diversi ed eventualmente negoziare tariffe con buoni clienti o con coloro che offrono più lavoro. Puoi anche aumentare le tue tariffe se scopri che non stai guadagnando abbastanza. La flessibilità e il monitoraggio accurato sono strumenti importanti per i liberi professionisti.


Continuare a:
Fatturazione per liberi professionisti: cosa, quando e come
Evitare errori finanziari comuni negli affari