Capacità di gestione del cambiamento personale

Guarda anche: Resistenza al cambiamento

Perché alcune persone sembrano navigare dolcemente attraverso tutti i cambiamenti che la vita porta loro, mentre altri si arrabbiano se devono cambiare anche i loro cereali per la colazione?

La chiave sta nel modo in cui vedi il cambiamento e nel tuo livello di accettazione dell'incertezza.

Ci sono molte prove che ciò che troviamo più stressante in quanto esseri umani è l'incertezza, non il cambiamento in sé. Anche gli eventi della vita più difficili, come il divorzio o la separazione coniugale, possono essere più stressanti in termini di incertezza.



Molto spesso, non è l'evento, ma la preoccupazione di 'cosa farò?', O 'come se la caveranno i bambini?', Che la gente trova difficile. Ma ci sono alcune semplici abilità che puoi sviluppare che ti aiuteranno a gestire il cambiamento nella tua vita, sia attraverso il lavoro che gli eventi della vita.


Stress: alcuni retroscena

Le nostre pagine su gestione dello stress fornire maggiori informazioni sulla comprensione dello stress e degli eventi stressanti della vita, ma qui vale la pena ripetere che lo stress non è tutto nella mente. Lo stress può causare veri sintomi fisici, tra cui vertigini, mal di testa da tensione, diarrea e insonnia, che a loro volta possono farti sentire peggio e anche più stressato.



Questo tipo di 'ciclo di feedback negativo' è comune in natura ed è progettato per farti smettere! Il tuo corpo sta cercando di dirti qualcosa e, se non lo ascolti, potresti ritrovarti a ammalarti davvero.

Non essere tentato di ignorare i sintomi dello stress e sperare che se ne vadano da soli. Non lo faranno. Invece, devi affrontare le cause.

Se stai lottando con lo stress e ti fa stare male, dovresti cercare un aiuto professionale da un consulente o da un operatore sanitario.

Lo stress non controllato può portare alla depressione, una malattia mentale potenzialmente grave, scopri di più sulle nostre pagine: Cos'è la depressione? , Tipi di depressione e Trattamenti per la depressione .


Affrontare il cambiamento

Ci sono molte prove che tutti noi attraversiamo più o meno lo stesso processo quando affrontiamo il cambiamento, sebbene in alcuni casi determinate fasi possano richiedere più tempo rispetto ad altri.

Elizabeth Kubler-Ross ha esaminato il modo in cui le persone vengono a patti con la notizia di avere una malattia terminale e ha sviluppato un modello chiamato Transition or Change Curve. Studi successivi hanno dimostrato che le persone reagiscono in modo simile al lutto e anche ai cambiamenti sul lavoro.

x è lo y percento di quale numero

Il modello mostra che le persone iniziano in uno stato di negazione, con livelli piuttosto elevati di energia e fiducia, ma che la fiducia e l'energia poi diminuiscono quando sentono il bisogno di supporto, e poi si arrabbiano, ponendo domande come 'Perché io?'. Quindi iniziano a muoversi verso l'esplorazione della loro condizione e nuove opzioni e verso l'accettazione.

La curva di transizione o cambiamento

C'è di più sui modelli e sulla teoria del cambiamento sulla nostra pagina: Capire il cambiamento .


Gestione del cambiamento personale

C'è una preghiera che è stata adottata dagli Alcolisti Anonimi, chiamata Serenity Prayer. Dice:

perché è importante prendersi cura del proprio corpo

Dio, dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso e la saggezza di conoscere la differenza.


Reinhold Niebuhr (1892–1971).

Sebbene possa essere diventato piuttosto banale, questo non è un approccio irragionevole per gestire il cambiamento nella tua vita.

Accettare le cose che non puoi cambiare



Una delle cose che coloro che abbracciano il cambiamento generalmente dicono di fare è accettare ciò che non può essere cambiato e preoccuparsi solo di ciò che possono cambiare da soli.

Può essere molto difficile lasciar andare le preoccupazioni, ma non ha senso essere stressati per cose su cui non hai controllo.

Se ti ritrovi sveglio di notte a preoccuparti di qualcosa, chiediti:


' Posso fare qualcosa per cambiare la probabilità che ciò accada o il risultato, se accade? '

Se la risposta è davvero un sonoro 'No', parcheggia la questione. Mettilo da parte, come qualcosa che può accadere o no, ma su cui non ha senso preoccuparsi. Quindi, e questo è importante, trova invece qualcos'altro per occupare la tua mente!

Pianificazione per cambiare le cose che puoi

Il passaggio successivo consiste nel considerare i problemi e le aree su cui hai il controllo. Invece di preoccuparti del potenziale cambiamento, poniti due domande:

  • Realisticamente , c'è qualcosa che posso fare per modificare la probabilità che questo evento accada e, in caso affermativo, cosa?
  • Realisticamente , c'è qualcosa che posso fare per modificare il risultato in uno più favorevole per me e, in caso affermativo, cosa?



La parola chiave qui è realisticamente : queste devono essere azioni che puoi veramente intraprendere per cambiare le cose, non cose del 'mondo ideale' come 'Prenderò una qualifica idraulica entro tre settimane e sarò il miglior studente che abbiano mai visto'.

Prima di pensare a come cambiare il risultato, è importante pensare a come potrebbe essere il tuo risultato ideale e quanto è probabile che accada comunque.

Dai uno sguardo alle nostre pagine: Pensiero strategico e Pianificazione per ulteriore assistenza nell'analisi dei problemi e nella pianificazione dei passaggi successivi.



Un esempio funzionante


L'azienda per cui lavori sembra essere stata rilevata da un'altra e sei preoccupato che potresti perdere il lavoro o che potresti finire per fare qualcosa di meno interessante.

C'è qualcosa che puoi realisticamente fare per cambiare la probabilità che l'azienda venga rilevata?

No. A meno che tu non sia il CEO, è fuori dalle tue mani. Smettila di preoccuparti.


C'è qualcosa che puoi realisticamente fare per rendere più probabile un risultato più favorevole per te?

Sì. Migliora il tuo CV o curriculum, mettiti in contatto con un'agenzia di reclutamento specializzata nel tuo tipo di lavoro e cerca un altro lavoro. Diventerai più sicuro quando vedrai il valore che gli altri attribuiscono alle tue capacità e sarai anche più attraente per la tua azienda esistente se hai un'altra offerta di lavoro, che ti dà delle opzioni.

Potresti anche pensare a quali opportunità potrebbero aprirti in caso di licenziamento, come la possibilità di creare la tua azienda, o magari prendere un po 'di tempo libero per viaggiare. Questo dovrebbe anche farti sentire molto più positivo e quindi più attraente per i potenziali datori di lavoro.

Vedi la nostra pagina su Equilibrio vita-lavoro

La saggezza per conoscere la differenza

Questo è l'elemento finale per gestire il cambiamento con garbo.

Come buono pensatori strategici , coloro che accettano e gestiscono bene il cambiamento personale sono coloro che hanno le idee chiare su ciò che vogliono. Sono pronti a decidere cosa non possono cambiare e a metterlo da parte. Sono anche efficaci nel compiere i passi necessari verso il cambiamento e nel prendere il controllo di quegli elementi che possono cambiare.




E infine…

L'elemento più importante da ricordare è che:

Una volta presa la decisione finale su ciò che puoi e non puoi cambiare e su cosa farai al riguardo, attieniti ad essa.

Forma a 4 lati con lati disuguali

Accetta la tua decisione e vai avanti. Non preoccuparti costantemente di 'cosa succede se', poiché ciò minerà tutto il tuo buon lavoro nel parcheggiare le cose che non puoi controllare. Non importa nemmeno se il motivo per cui non puoi realisticamente fare nulla è 'Ho troppo altro da fare nella mia vita per avere il tempo di affrontarlo'. Va bene. Concediti una pausa e accetta la tua saggezza.

Continuare a:
Capire il cambiamento | Attuazione del cambiamento
Pensiero strategico