Risoluzione dei conflitti e mediazione

Guarda anche: Un'introduzione alla risoluzione dei conflitti

Il conflitto, o più specificamente, il conflitto interpersonale, è un fatto della vita, e in particolare della vita organizzativa. Spesso emerge di più quando le persone sono stressate, ad esempio, quando ci sono cambiamenti all'orizzonte, o quando tutti sono sotto pressione a causa di una scadenza incombente.

Tuttavia, il conflitto può sorgere anche in relazioni e situazioni al di fuori del lavoro.

quali dei seguenti sono considerati esercizi di gestione dello stress?

Gestire i conflitti in modi che portano a un aumento dello stress può essere dannoso per la salute. Una cattiva gestione dei conflitti può portare a una maggiore produzione di cortisolo, l'ormone dello stress, e anche causare l'indurimento delle arterie, con conseguente aumento del rischio di attacchi di cuore e ipertensione.



Imparare ad affrontare i conflitti in modo positivo e costruttivo, senza stress eccessivo, è quindi un modo importante per migliorare il proprio benessere oltre che le proprie relazioni.


Cos'è il conflitto?

Il conflitto interpersonale è stato definito come:



'Una lotta espressa tra almeno due parti interdipendenti che percepiscono obiettivi incompatibili, risorse scarse e interferenze dell'altra parte nel raggiungimento dei loro obiettivi'.

Scartando un po 'questo, significa che affinché un disaccordo diventi un conflitto, ci deve essere:

  • Qualche elemento di comunicazione: una comprensione condivisa che c'è un disaccordo;
  • Il benessere delle persone coinvolte deve in qualche modo dipendere l'uno dall'altro. Questo non significa che debbano avere lo stesso potere: un manager e un subordinato possono essere altrettanto interdipendenti quanto una coppia sposata;
  • Le persone coinvolte percepiscono che i loro obiettivi sono incompatibili, il che significa che non possono essere raggiunti entrambi;
  • Stanno competendo per le risorse; e
  • Ciascuno percepisce l'altro come un ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi.

Il conflitto non è sempre una cosa negativa


Il conflitto può essere distruttivo, portando le persone a sviluppare sentimenti negativi l'uno per l'altro e spendere energie in conflitti che potrebbero essere spesi meglio altrove. Può anche approfondire le differenze e portare i gruppi a polarizzarsi in posizioni o / o.

Tuttavia, un conflitto ben gestito può anche essere costruttivo, aiutando a `` schiarire l'aria '', liberando emozioni e stress e risolvendo la tensione, soprattutto se le persone coinvolte lo usano come un'opportunità per aumentare la comprensione e trovare insieme una via d'uscita dal conflitto situazione.



Le nostre pagine sulla risoluzione dei conflitti, le critiche e la mediazione forniscono consigli e supporto per affrontare i conflitti e altre situazioni potenzialmente difficili:

01 - Conflitto e risoluzione dei conflitti

Ci sono momenti in cui è importante essere in grado di comunicare in circostanze difficili.



Mentre molti di noi preferirebbero evitare conversazioni difficili, a volte questo non è possibile. Ad esempio, un manager potrebbe dover dire a qualcuno che sta per essere licenziato o un bambino confessare ai genitori che sta lottando a scuola.

La nostra pagina su Comunicazione in circostanze difficili fornisce consigli su come gestire queste conversazioni difficili senza creare conflitti.

Prima di poter iniziare a risolvere qualsiasi conflitto, è necessario essere in grado di comprenderne l'origine e quindi il tipo di conflitto.

quando usare le coordinate sferiche o cilindriche
La nostra pagina Introduzione alla risoluzione dei conflitti spiega che ci sono tre tipi di conflitto: personale, spesso su valori e relazioni; conflitti strumentali, su come raggiungere gli obiettivi; e conflitti di interesse. Inoltre introduce alcune idee sulle strategie per risolvere i conflitti.

02 - Reclami e critiche

Reclami e critiche potrebbero non sembrare che si adattino naturalmente alla risoluzione dei conflitti. Ma nella vita reale, sia le lamentele che le critiche possono essere fonte di considerevole conflitto, e sapere come lamentarsi e criticare in modo efficace, in un modo che non causi conflitto, è un'abilità interpersonale molto utile.

La nostra pagina su Critica costruttiva fornisce consigli su come dare critiche in un modo che consenta di essere ascoltate e di agire, e la pagina su Trattare con le critiche spiega come ascoltare e accettare le critiche con calma, anche quando non sono espresse in modo costruttivo. Puoi anche trovare la nostra pagina su Dare e ricevere feedback utile.
Infine, la nostra pagina su Come lamentarsi (in modo efficace) fornisce alcune regole utili su come presentare un reclamo che sarà ascoltato e su cui si darà seguito, la più importante delle quali è sapere cosa si vuole ottenere lamentandosi.

03 Abilità di mediazione

A volte la risoluzione informale dei conflitti non è sufficiente.

È importante sapere quando allontanarsi da una situazione di conflitto e chiedere a qualcuno più abile di mediare. Sebbene la maggior parte di noi non sarà chiamata a mediare in un conflitto internazionale, o anche in un problema di relazioni industriali, lo sviluppo di alcune capacità di mediazione può essere utile quando il conflitto si è intensificato oltre il livello normale.

Le nostre pagine su Abilità di mediazione e Mediazione tra pari fornire maggiori informazioni su questa importante area.



Il conflitto è un dato di fatto

I disaccordi interpersonali sono un dato di fatto, il che significa che lo è anche il conflitto interpersonale.

Imparare a gestire le situazioni difficili in modo che diventino più positive e affrontare bene le critiche può aiutare a evitare alcuni conflitti. Sviluppare le tue capacità di risoluzione dei conflitti e di mediazione può anche aiutare a garantire che il conflitto diventi un'esperienza positiva, piuttosto che negativa.



Iniziare con:
Un'introduzione alla risoluzione dei conflitti